Texts

About

Il Programma

Distanziarsi dai soliti parolai peace and love, usando come metro di valutazione la battaglia indefessa e costante, affinché ai manifesti e alle parole seguano le azioni.



IL PROGRAMMA



CONTRO L'INDUSTRIA DELLA CARNE

Combattiamo strenuamente l’attuale industria della carne, a causa della quale l’animale viene mercificato, considerato oggetto, prodotto; in esso viene annullata la dignità spirituale e la sua esistenza viene costretta entro i confini di un processo aberrante, che lo vede protagonista di una vita di stenti e sofferenze, allevato in batteria, lontano dal suo habitat naturale, dai suoi affetti, non più essere vivente ma elemento ultimo di una vera e propria catena di montaggio, fin dalla nascita con l’ombra del boia che incombe su di lui per VENDERLO.
Vogliamo una esistenza e una morte più “umana” per gli animali che contribuiscono con la loro vita alla nostra alimentazione.

RIDUZIONE DELLA CARNE NELLA DIETA
Combattiamo a favore della riduzione della carne nella dieta di ognuno, consapevoli dell’utopia di una nazione totalmente vegetariana/vegana. Chiediamo che l’Italia torni a un tipo di alimentazione consono alla sua cultura mediterranea, abbandonando diete d’importazione atlantica, che dopo il secondo conflitto mondiale hanno causato un’impennata delle percentuali del consumo di carne.

CONTRO LA VIVISEZIONE
Chiediamo con intransigenza la cessazione di qualsiasi pratica pseudo-scientifica, farmaceutica, psicologica, cosmetica, ecc., che preveda l’ utilizzazione di qualsivoglia animale. Questo potrà solamente giovare alla medicina perché le ingerenze delle industrie farmaceutiche e la mafia psicologica di alcuni “baroni” della medicina presente in alcune facoltà universitarie, che propugnano l’uso di sperimentazione animale, non creano solamente sofferenza indicibili agli animali, bensì causano gravi danni e ritardi allo sviluppo medico-scientifico. A latere boicottiamo prodotti cosmetici che per la loro realizzazione creano sofferenze animali, promuovendo l’acquisto di prodotti “cruelty free”.

CONTRO IL CIRCO
Combattiamo lo sfruttamento animale relativo a feste, sagre et similia, concentrandoci soprattutto nella lotta contro i circhi che prevedono numeri con animali. I circensi ricevono milioni di euro dallo stato per mantenere in condizioni penose gli animali, privandoli al contempo della propria dignità, offrendo inoltre uno spettacolo altamente diseducativo, soprattutto ai bambini. Vogliamo che i contributi statali vengano concessi esclusivamente ai circhi che non sfruttino animali, chiudendo i rubinetti a parassiti che speculano sulla pelle delle animali millantando amore e condizioni ottimali nei confronti delle bestie. A livello locale chiediamo che le amministrazioni comunali siano sensibili a tale problematica impedendo nei loro comuni la sosta di questi carrozzoni della sofferenza.

CONTRO LE CITTA' PER ANDROIDI
Lottiamo contro la cementificazione, da parte soprattutto di palazzinari, del nostro Bel paese. Le nostre città sembrano sempre più idroscali, per non parlare delle coste, che vengono stuprate a causa di gestioni politiche scellerate che si prostrano davanti al danaro dei costruttori. Vogliamo un ritorno alla concezione della città-giardino, se necessario mediante azioni di ripopolamento di alberi e piante in città. Altresì combattiamo l’allontanamento dell’uomo (soprattutto i più giovani) dalla natura. Quasi nessuno oramai conosce la fauna e la flora nazionali e, addirittura, locali. Affinché i bambini non credano che le mucche sono viola chiediamo un’educazione alla natura sin dall’infanzia, reputando che i principali autori di questo insegnamento vitale debbano essere le scuole, in special modo elementari e medie.

CONTRO IL GIRO D'AFFARI LEGATO AL RANDAGISMO
Combattiamo il giro d’affari legato al randagismo di cani e gatti. Come riscontro ai milionari contributi erogati dallo stato, abbiamo strutture fatiscenti, personale altamente inadeguato e condizioni da prigione turca per cani e gatti, mentre associazioni di stampo più o meno mafioso gongolano grazie alla non curanza delle istituzioni.

CONCLUSIONI
La Foreste che Avanza, forte delle esperienze di lotta precedentemente acquisite in altri ambiti, vuole distanziarsi dai soliti parolai peace and love, usando come metro di valutazione la battaglia indefessa e costante, affinché ai manifesti e alle parole seguano le azioni.

Per un REGIME della natura.